Verbale del 16 novembre 2015

Tania apre la seduta del consiglio presentando lo strumento del “quaderno” che ogni consigliere avrà alla fine della seduta odierna.
Potranno scrivere una frase che gli sembri importante delle sedute:
  • “potremmo metterli sulla cattedra in modo che quando i miei compagni vogliono, possono leggere di cosa abbiamo parlato”;
  • “possiamo raccogliere o far scrivere in questo quaderno anche idee dei nostri compagni”.
Tania introduce la marcia dei diritti dei bambini che si terrà venerdì 20 Novembre.
Dettaglia ai consiglieri l’organizzazione su come ci si recherà a Varese, quali adulti del laboratorio
“prenderanno” i consiglieri dalle tre scuole primarie.
Renata invita i consigliere ad elencare i diritti dei bambini che si ricordano:
“diritto al gioco”… “ al cibo”… “ e all’acqua…” “diritto ad avere una famiglia”… “diritto alla libertà”… “diritto alla pace”… “diritto alla scuola e allo studio”… “diritto alla salute”… “diritto di rispettare”… “diritto di parola”… “diritto di uguaglianza”… “diritto di avere degli amici”…
“diritto di fare attività adatte alla propria età”…“diritto a una casa” … “diritto all’accoglienza”
Renata precisa che questi più molti altri diritti sono raccolti in una carta, la marcia serve a far sì che tutti gli adulti nel mondo si ricordino che esiste la carta dei diritti dei bambini. Per ricordare a tutti gli adulti e capi di stato che i bambini sono importanti:
  • “L’anno scorso noi consiglieri abbiamo fatto il ‘libro dei diritti’ per noi più importanti”;
  • “abbiamo anche lo striscione del Consiglio”;
  • “portiamo alla marcia il libro, lo striscione e le fasce”
Tania riferisce di aver parlato con l’assessore Riggi. L’Assessore ha sottolineato che è molto contento che i bambini abbiano affrontato il tema della spazzatura e sottolinea che il problema della gestione
dell’immondizia e della spazzatura è molto gravoso e importante. In molte città si vive questo problema. Riggi ha annunciato che metteranno delle foto-trappole sui cestini, ovvero delle macchine
fotografiche nascoste (si indicherà che il luogo è video-sorvegliato)che potranno rilevare l’infrazione e chi commette tale infrazione.
L’idea è molto vicina a quella proposta dai consiglieri nella seduta precedente.
Riggi ha bisogno di aiuto da parte dei bambini del consiglio per trovare e fare il disegno, la vignetta, lo slogan da mettere sui cestini.
Ci sono 270 cestini a Malnate.
“spesso chi mangia il gelato lancia le cose per terra”;
“So già come finiranno le cose per i ragazzi delle medie e delle superiori… romperanno i cestini
con le video camere…. E poi avete visto cosa è successo a Parigi?”.
Diversi bambini condividono informazioni confuse e cariche di preoccupazione sui fatti di Parigi. Altri raccontano cosa hanno fatto questa mattina a scuola per ricordare gli avvenimenti di Parigi, di minuti di silenzio, di pensiero e di preghiere.
I bambini hanno dimostrato la loro preoccupazione sottolineando l’importanza del diritto alla
libertà ed a dire i propri pensieri: sono diritti importanti che devono essere presenti nelle nostre città. Tutto quello che è accaduto a Parigi,ci fa partecipare alla marcia con uno spirito diverso e più forte.
Riggi ha comunicato che è vero che ci sono dei padroni di cani che non raccolgono gli escrementi, ma sottolinea che grazie ai vecchi cartelli fatti e scelti insieme ai bambini del consiglio di qualche anno fa, i casi e le infrazioni sono diminuite. Quindi l’assessore chiede nuovamente l’aiuto ai bambini del consiglio per dire sia di buttare le cose nel cestino ma anche dire che nel cestino deve essere buttato solo ciò che si ha in mano in quel momento e non la spazzatura di casa ad esempio.
Con le spazzature di casa è obbligatorio dividere plastica, carta, generico etc … e messo in strada in giorni differenti.
I bambini ricordano i colori dei sacchi/contenitori dei differenti tipi di spazzatura.
Alcuni bambini si sono già adoperati nel produrre disegni e frasi, si inizia a condividerli
“io sono bravo a disegnare, ho fatto un cestino animato che parla”
“io e le mie compagne abbiamo creato delle frasi”
1. butta butta butta via spazza bene la tua via!
2. Butta butta metti dentro qui e non buttare lì
3. Allunga le mani e butta qui dentro, forza che ce la fai!!!
4. Butta la carta nel cestino e non nel giardino
5. Se intorno a te il bello vuoi, nel cestino butta i rifiuti tuoi
“Se non butti qua … chiamo tuo papà”
“Butta i rifiuti qua dentro se no divento debole!”
“Butta via la spazzatura per pulire la natura”
I bambini continuano a produrre disegni e frasi che poi saranno presentate all’assessore.
Viene infine consegnato un foglio per scrivere un pensiero e/o un messaggio che vogliono portare a casa o a scuola come chiusura della seduta e messo nel quaderno.
Prossimi Eventi
Eventi nel calendario
<< Ott 2017 >>
LMMGVSD
25 26 27 28 29 30 1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31 1 2 3 4 5
Archivio News